La Struttura

Di nuovissima ristrutturazione, situato a brevissima distanza (meno di cinque minuti) sia dal centro di Gallipoli sia dalle sue spiagge dorate e dal suo mare cristallino, l’agriturismo Il Trappeto è immerso nella campagna salentina che si caratterizza principalmente per la sua splendida macchia mediterranea, ricca di ulivi secolari dagli arbusti sinuosi radicati in una terra che regala prodotti genuini e dal gusto intenso. La struttura dispone di una reception aperta dalle 7 alle 23 e di un ampio parcheggio interno messo gratuitamente a disposizione degli ospiti. Un ampio giardino e le 3 terrazze rappresenteranno il posto ideale dove trascorrere momenti di sano relax in un ambiente tranquillo e riservato ed in un contesto paesaggistico suggestivo e dal fascino ineguagliabile, dove la macchia mediterranea sembra congiungersi con le antistanti acque cristalline della costiera nord di Gallipoli.

Il Trappeto

Si contano decine di frantoi ipogei nel Salento, purtroppo solo pochi dei quali visitabili, che risalgono al periodo che va dal XV al XVII secolo. I “Trappeti”, come venivano chiamati questi frantoi, erano utilizzati per la produzione di quello che all’epoca era considerato l’oro del Salento: l’olio lampante. Se adesso il Salento è uno dei leader nella produzione di olio extravergine d’oliva, all’epoca la produzione si preoccupava di produrre l’olio destinato alle lampade. Tonnellate e tonnellate di olive venivano fatte cadere dalle strade della Città vecchia e delle zone rurali in delle cisterne sotterranee dove centinaia di persone lavoravano senza sosta e spesso senza vedere la luce del sole per giorni e giorni, raccogliendo il prezioso liquido che sgorgava dalle macine in pietra fatte girare sotto il traino di muli o altri animali. La produzione avveniva sotto terra per garantire la giusta temperatura ed un costante grado di umidità dell’aria, condizioni che facevano tanto bene all’olio quanto male a chi ne seguiva la produzione. Il frantoio della nostra struttura risale al XVI secolo e saremo orgogliosi di farvelo visitare durante il vostro soggiorno, dandovi tutte le informazioni su questa importante parte della vita della Città nei secoli passati.

Gallipoli e il Salento

Sicuramente al vertice tra le località turistiche più amate del Salento e d’Italia, Gallipoli giace su un lembo di terra bagnato su entrambi i lati dal meraviglioso e cristallino mar Ionio. Il nome le venne dato dai Greci che la chiamavano “Kalé Polis”, la “città bella”. Da sempre terra di conquista, Gallipoli ed il Salento hanno visto numerosissime invasioni e dominazioni lungo i secoli: dai Greci ai Bizantini che vi costruirono il famoso castello che fa da roccaforte all’ingresso della città vecchia, ai Messapi, ai Romani che ne potenziarono le vie di comunicazione ed incrementarono le attività portuali. Sotto la dominazione spagnola del XVI secolo, Gallipoli tornò a splendere sia nel settore dell’artigianato che del commercio, grazie soprattutto alla produzione ed esportazione dell’olio lampante. Gallipoli divenne uno dei porti più importanti del meridione e si rese necessario ampliare il porto per far fronte al traffico di navi in costante aumento, opera che però venne terminata solo nel 1830 sotto il Regno di Ferdinando I di Borbone, periodo in cui la città entra a far parte del Regno di Napoli. Gallipoli, non a caso denominata “perla dello Jonio” grazie alle ineguagliabili bellezze naturali che la caratterizzano ed alla sua conformazione geografica, basa principalmente la sua economia sulla pesca e sul turismo, che l’hanno resa, soprattutto negli ultimi anni, tra le località più desiderate dai turisti europei e non solo. Chi soggiorna a Gallipoli avrà la possibilità di visitare in giornata altre caratteristiche località dal punto di vista turistico, culturale ed enogastronomico, tra cui Lecce, perla del Barocco, Otranto, Alberobello con i suoi trulli unici, cui è stato riconosciuto il titolo di Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, Santa Maria di Leuca con il suo splendido santuario che si affaccia proprio dove si congiungono il mar Ionio ed il mar Adriatico.